Percorso

Quando si parla di Arancia di Ribera, è necessario fin da subito mettere in evidenza come si tratti di un prodotto DOP, ovvero che può contare sulla Denominazione di Origine Protetta. In poche parole, tutte le attività che sono legate alla produzione, alla trasformazione e all’elaborazione devono essere effettuate in una zona geografica ben precisa. Ovviamente serve un’adeguata certificazione. L’Arancia di Ribera DOP, denominata Riberella, viene coltivata in tutti e 14 i Comuni che fanno parte della provincia di Agrigento.

Le proprietà di questa famosa arancia

La prima caratteristica che emerge, chiaramente, è il fatto di avere un gusto estremamente gradevole. D’impatto, poi, è facile notare come sia una varietà di arancia a polpa bionda e priva di semi al suo interno. Sono tante le peculiarità dal punto di vista medico. Si tratta di un’arancia che può vantare un’ottima ricchezza di vitamine (la A, B1, B2 e la C), ma anche tanti zuccheri e Sali minerali. Interessante notare come possa contare su elementi nutrizionali particolarmente equilibrati, facilmente assimilabili dal corpo umano e anche molto semplici da digerire. È sufficiente solamente un’arancia per garantire il pieno soddisfacimento quotidiano di vitamina C, un elemento fortemente antiossidante e che favorisce notevolmente il rinforzo del sistema immunitario. Un altro pregio è che si può consumare sia fresca a spicchi che alla stregua di spremuta. Non è finita qui: spesso e volentieri il consumo delle arance nelle ore serali è sconsigliato, dal momento che si potrebbero verificare dei problemi di digestione. Nel caso delle arance di Ribera, invece, questa attenzione non serve, visto che si può mangiare tranquillamente alla sera, data la sua notevole digeribilità.

Il Consorzio di Tutela

Il Consorzio, denominato “Arancia Ribera di Sicilia” è stato istituito nel lontano 1994. L’obiettivo primario dei produttori agrumicoli di differenziare e aumentare il valore delle arance coltivate in questo territorio. In che modo? Facendo leva su una serie di iniziative con un intento comune, ovvero quello di proteggere e tutelare l’origine del prodotto da produzioni simili che derivano da altri territori e realtà agrumicole. Al tempo stesso, uno dei fini principali del Consorzio è quello di dare sempre maggiore impulso alla commercializzazione e al consumo del prodotto in ogni mercato, sia quello nazionale che quelli esteri. Tra gli altri obiettivi c’è anche quello di collaborare al fine di realizzare delle forme associative che siano in grado di garantire una migliore e più efficiente gestione delle proposte commerciali.

Utilizzo del marchio

L’impiego del marchio e della denominazione viene messo a disposizione solo ed esclusivamente agli arancicoltori che hanno messo in atto meccanismi di produzione, nonché di vendita, che siano rispettosi in tutto e per tutto delle regole che sono presenti nell’apposito disciplinare. All’interno di quest’ultimo sono stati inseriti tutti quei parametri di produzione da rispettare. L’ultima tappa del percorso di riconoscimento è stata particolarmente importante. Infatti, è quella che ha portato al riconoscimento della Denominazione di Origine Protetta, ottenuta con Regolamento Europeo il 4 febbraio del 2011. Un riconoscimento davvero di estrema importanza che, di fatto, ha celebrato per la prima volta in Italia e in tutto il continente europeo, un agrume insieme alle tre varietà di arance che vengono prodotte, ovvero Navelina, Brasiliano e Washington.

Perchè Sceglierci.....

  1. Perché mettiamo passione, amore e impegno sul nostro lavoro in ogni singolo settore  
  2. Perché produciamo con passione i nostri prodotti
  3. Perché ci distinguiamo proponendo solamente prodotti di alta qualità 
  4. Perché forniamo assistenza completa a tutti i nostri clienti 
  5. Perché garantiamo un rapporto qualità prezzo molto vantaggioso